Ciao Presidente: con te se ne va un pezzo di Acerrana...

Ciao Presidente: con te se ne va un pezzo di Acerrana...
0
0
0
s2sdefault

Ci lascia Mario Esposito: per tutti IL PRESIDENTE dell'Acerrana...

 

È l’Acerrana. Non è stato. Lo è ancora. E lo sarà per sempre. Mario Esposito non è soltanto il presidente cha ha trasformato l’Acerrana da passione di paese a club rispettato nel calcio meridionale. Per ogni acerrano che abbia messo piede almeno una volta in quegli anni in quella scatola magica, che ora non c’è più, chiamata “Comunale” il “presidente” è soltanto uno. I risultati sportivi strabilianti di quegli anni raccontano molto dei meriti sul campo, ma non bastano a descrivere quello che nel mondo del calcio, non solo acerrano, è stato soprattutto un uomo con U maiuscola. U come umanità: quella che qualsiasi giocatore passato per Acerra in quegli anni vi potrebbe raccontare, magari con un aneddoto. U come umiltà: l’umiltà di un uomo che aveva portato l’Acerrana a sfidare colossi che ora fanno la spola tra A e B come Benevento e Frosinone ed a duellare ad armi pari con le big della Regione (Juve Stabia, Casertana, Savoia…) e che pure era capace di infilarsi una maglia da gioco con il simbolo del Toro ed emozionarsi come un ragazzino anche per una gara di Prima Categoria.
L’uomo al quale sono bastati 45 minuti per capire che un 16enne chiamato Salvatore Soviero sarebbe diventato un protagonista della serie A (ingaggiandolo di fatto negli spogliatoi), ma che aveva la bonomia di ascoltare anche il più inesperto e sconclusionato dei tifosi. E’ stato il portatore sano di quella passione granata dalla quale ci sentiamo tutti contagiati e che ha trasmesso al figlio Luigi, al quale va oggi il nostro abbraccio più sincero. Il presidentissimo se ne è andato portandosi via la chiave dello scrigno che custodisce i ricordi più belli della storia quasi centenaria del Toro: i 13 campionati di fila in Interregionale (l’attuale D) sono un Everest per chiunque vorrà in futuro far ripartire quella storia, le cui lancette si sono fermate in quello spareggio di Cardito, dove lui era tra il pubblico, tifoso tra i tifosi. Come la chiusura di un cerchio, apertosi in un altro spareggio giocato il giorno di San Cuono del 1982 in un “Santa Colomba” (ora “Vigorito”), vestito di granata: un lampo di Pisani spalanca la D e un decennio inimmaginabile.
Prima di andarsene ha visto le ruspe spazzare via l’amato “Comunale”. Vedrà quel che sarà di questi magici colori da lassù: noi saremo giù, Arcoleo o quel che sarà. Ma uno sguardo su quel campo dalla tribuna Paradiso qualcuno lo riserverà di certo.

Addio Presidente

 

 

Andrea Terracciano

 

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE SPORTIVE DE IL GRANATA?
CLICCA IL BANNER QUI SOTTO E METTI MI PIACE ALLA PAGINA FACEBOOK

 

® IL GRANATA 2018 - Riproduzione riservata

 

 

  

Classifica - 1a Categoria - Girone A

Team
Played Wins DRAW Lost Points
1 Bacoli 30 21 7 2 70
2 Casoria 1979 30 20 7 3 67
3 ACERRANA 30 18 6 6 60
4 Ponticelli 30 16 8 6 56
5 Albanova Calcio 30 14 12 4 54
6 Real Qualiano 30 12 8 10 44
7 Real Albanova 30 11 9 10 42
8 Plajanum Uniti 30 10 9 11 39
9 Cirgomme S.C. 30 11 6 13 39
10 Compr.Casalnuovese 30 10 7 13 37
11 Arzano City 30 8 9 13 33
12 Cardito Calcio 30 8 6 16 30
13 Virtus Liburia 30 7 6 17 27
14 Real Piedimonte 30 7 5 18 26
15 Cellole (-1) 30 5 6 19 20
16 Real Grumese 30 1 11 18 14

 

  
 

  

Per offrirti una migliore esperienza questo sito fa utilizzo di cookie, anche di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie. Per saperne di più o modificare le tue preferenze consulta la sezione Cookie Policy